Astronomia, Satellite, Spazio

Aurora Australis dallo spazio

Aurora Australis dallo spazio



Una delle immagini più famose dell'aurora australe


Aurora Australis: Immagine satellitare composita dell'Aurora Australis (luci del sud) dallo spazio. L'immagine è stata compilata sovrapponendo i dati dell'Aurora Australis raccolti dal satellite IMMAGINE della NASA in cima a un'immagine della Terra da una prospettiva polare sud dal progetto Blue Marble. Il risultato simula l'aspetto di Aurora Australis da un satellite in orbita sopra. Immagine della NASA.

Cos'è l'Aurora Australis?

L'Aurora Australis, nota anche come "Southern Lights", è una luce naturale che si presenta nell'atmosfera terrestre sopra l'Antartide e la regione polare meridionale. È un anello di luce verde fluorescente sopra la Terra che diventa visibile durante alcune interazioni tra il vento solare e il campo magnetico terrestre.

Le aurore vengono prodotte quando gli elettroni che viaggiano dal Sole si scontrano con molecole di gas nelle parti superiori dell'atmosfera terrestre. Quando gli elettroni si avvicinano alla Terra, scendono verso il suolo seguendo l'attrazione del campo magnetico terrestre. Mentre attraversano l'atmosfera, si scontrano con l'ossigeno e le molecole di azoto, spostando gli elettroni in quelle molecole e eccitandoli fino a livelli di energia più elevati. Quando quegli elettroni dislocati ricadono nei loro orbitali allo stato fondamentale, emettono una piccola quantità di energia sotto forma di luce. Questo rilascio di luce è noto come fluorescenza ed è molto simile alla luce emessa dai minerali fluorescenti.

Campo magnetico terrestre: Percorsi di particelle emesse dal Sole e che interagiscono con il campo magnetico terrestre per dare origine a meravigliose esposizioni aurorali. Immagine della NASA.

Informazioni sull'immagine in primo piano

L'immagine satellitare composita nella parte superiore di questa pagina è una delle raffigurazioni più famose dell'Aurora Australis e una delle più istruttive. È stato creato sovrapponendo un'immagine dell'Aurora Australis creata utilizzando i dati del satellite IMAGE della NASA, su un'immagine composita della Terra della Blue Marble Collection della NASA. Mostra chiaramente la geografia dell'Aurora Australis mentre il plasma di una tempesta solare interagiva con il campo magnetico terrestre l'11 settembre 2005. È stato pubblicato come NASA "Image of the Day" il 25 gennaio 2006.

Aurora boreale: Una fotografia dell'Aurora Australis dalla Terra scattata a South Arm, Tasmania.

Aurora Australis da terra

Per gli osservatori a terra, l'Aurora Australis sembra una cortina di luce scintillante attraverso il cielo notturno. Se osservi le luci del sud da lontano, possono apparire come un bagliore fluorescente attraverso l'orizzonte. Se le osservi dal basso, spesso sembrano tende di luce che scendono verso il suolo. Le tende si muovono lentamente mentre l'area di impatto del vento solare cambia nel tempo.

Luci del sud dallo spazio: Vista dell'aurora meridionale dalla Stazione Spaziale Internazionale, mostrando la loro posizione bassa nell'atmosfera terrestre.

Informazioni sul satellite IMMAGINE

La NASA ha lanciato il satellite IMAGE (Imager for Magnetopause-to-Aurora Global Expansion) il 25 marzo 2000 con una missione pianificata di due anni. Il satellite ha funzionato correttamente, raccogliendo dati per quasi cinque anni. Gli strumenti a bordo del satellite hanno acquisito una raccolta completa di immagini di plasma nella magnetosfera terrestre. Molti di questi sono stati ripresi in lunghezze d'onda non visibili all'occhio umano. Queste immagini hanno fornito nuove conoscenze sulle interazioni tra il vento solare e la magnetosfera e la risposta della magnetosfera durante le tempeste magnetiche. Tutti questi dati sono stati ritrasmessi alla NASA. L'immagine di Aurora Australis mostrata in questa pagina era una parte molto piccola, e in realtà un prodotto di novità, della raccolta dati del satellite.

Sfortunatamente, il 18 dicembre 2005, il satellite ha iniziato a perdere le comunicazioni previste con la NASA. La NASA ha fatto molti tentativi per ritrovare il contatto con il satellite e ha inviato segnali per ripristinare i sistemi operativi del satellite. La NASA ha dichiarato il satellite "perso" poche settimane dopo. Nel marzo 2015, la NASA ha lanciato il satellite MMS (Magnetospheric Multiscale Mission) per espandere il lavoro svolto da IMAGE.

Quindi, oltre dodici anni dopo la perdita di contatti della NASA con l'IMMAGINE, Scott Tilley, un localizzatore di satelliti di un ameteur, si rese conto che stava rilevando segnali dal satellite e notificò alla NASA la sua scoperta. Tilley e il suo localizzatore satellitare amatoriale, Cees Bassa, hanno registrato i segnali dei segnali di IMAGE ricevuti nel maggio 2017 e nell'ottobre 2016. La NASA ha iniziato a lavorare per ristabilire la comunicazione bidirezionale con il satellite. All'inizio del 2018 sono stati stabiliti alcuni contatti sporadici, ma non è stata ancora raggiunta una comunicazione bidirezionale affidabile.